CoLyaLCoLoR 64 secondi nell’aria (ep) 2001 - Sperimentale, Rock, Psichedelia

precedente precedente

Prima prova discografica per questo quartetto toscano, già ascoltato nel vol. 6 di "Soniche avventure" con il brano “Libellula” , traccia ripresa anche in questo "64 secondi nell’aria". Opera che, occorre dire subito, per essere un cd-r é un ottimo lavoro sia per quanto concerne la grafica, che sul piano della registrazione.

L'ep, così lo intendono loro, si muove su sonorità noise solo all’apparenza, in quanto sono ammantate di una forte carica melodica che si lascia apprezzare sia nei brani più tirati (“L’istante”) che in quelli più lenti (la già citata “Libellula”). Il songwriting è messo bene a fuoco e potrebbe trarre giovamento dall’incontro con una eventuale produzione professionale, anche se, come dicevo in precedenza, i suoni sono ben calibrati nonostante la registrazione casalinga. I riferimenti sonori possono essere dei più svariati, e vanno cercati più che nell’aria noise, in quella post-punk di metà anni ottanta e susseguenti.

Se dovessi fare dei nomi penso ai Motorpsycho meno hard, omaggiati forse troppo evidentemente nel finale di "Bhodisattiva" (che somiglia molto a quello di “The other fool” della band norvegese). Ma questo non inficia la validità di una proposta che mostra segnali di crescita positivi che si possono ben sviluppare in futuro.

---
La recensione 64 secondi nell’aria (ep) di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-10-23 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia