Cesare Basile Sette pietre per tenere il diavolo a bada 2011 -

Disco della settimana Sette pietre per tenere il diavolo a bada precedente precedente

Un cantautore in stato di grazia. Sette sono gli album, sette sono le pietre che Cesare Basile scaglia nella pancia del diavolo per tenerlo a bada. Si nutre del succo proibito e dannato del blues, attinge al riscatto cercato dal folk e rinasce come la fenice dalle ceneri in nuova, sgargiante forma, più forte, come la vita che ha attraversato la morte.

L'ultimo capitolo sonoro del musicista siciliano è una tappa decisiva di un percorso di ricerca e progressiva, per quanto sempre imperfetta, illuminazione. Un progetto ambizioso fatto di carne e sangue, spirito e anima, dannazione e redenzione, timore e tremore, schiavitù e liberazioni. E' un'adrenalinica corsa verso il crepaccio, una musa ispirativa aspra e crudele che attraversa le pagine più importanti di questo racconto musicale: la Sicilia, terra rossa e indomita, che coltiva nel suo ventre il seme cattivo dell'uomo che divora i fiori della felicità perchè non riesce a liberarsi dal suo padrone.

I suoni sono mantrici, la materia è nera, come la fine di un pozzo ricoperto di catrame, che deve essere essere leccato a fondo per tentare la risalita. Ci sono tamburi bassi a cadenzare un ritmo ancestrale, archi e fiati strazianti, chitarra dannate e un incedere marziale proprio della musica popolare del Sud Italia che diventa spesso il principale canovaccio musicale. Il racconto di un potere marcio e brutale che divora le menti e i giovani cuori, Basile dà voce al blues degli schiavi italiani in epoca postmoderna, tra controllo totalitario, case popolari e le ultime briciole di qualsivoglia ideologia.

Tra poesia nera, apocalissi umane e la cultura di un popolo tutta da riarmare, il cantautore siciliano si conferma così autore raffinato e visionario, che non conosce pace nell'ispirazione nè tantomeno stasi creativa.

---
La recensione Sette pietre per tenere il diavolo a bada di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-04-11 00:00:00

COMMENTI (15)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • rosariovelardi 11 anni Rispondi

    Grande disco,grandissimo artista,bentornato nella nostra terra Cesare e nella tua bella Catania.

  • longhairinthreestages 11 anni Rispondi

    Non vedevo l'ora che uscisse questo cd... Non lo voglio ascoltare così però: compro il cd, lo metto nel lettore, m'assettu nto divanu e l'assaporo con calma dalla prima all'ultima traccia, come si faceva una volta e come si deve fare ancora. :)

  • neve82 11 anni Rispondi

    bello bello bello ... il migliore disco di Basile.

  • sisifo 11 anni Rispondi

    intenso come sempre e come pochi...

  • rivoluzio 11 anni Rispondi

    Sono brividi. Danilo Dolci non poteva essere cantato meglio.

  • utente49542 11 anni Rispondi

    Grande!

  • ematomablues 11 anni Rispondi

    disco molto intenso. meraviglioso l'omaggio a De Andrè.

  • sdiggo 11 anni Rispondi

    il migliore basile di sempre

  • earthshake 11 anni Rispondi

    che bello!

  • utente0 11 anni Rispondi

    Capolavoro

IL TUO CARRELLO