< PRECEDENTE <
album Luci native - In Blood

In Blood

Luci native

2001 - Grunge, Alternativo

RECENSIONE
29/10/2001 di Simona Rotolo

Gli In Blood nascono nel 1997 e hanno all’attivo la partecipazione a svariati concerti nell’area romana dalla quale provengono. Nonostante i numerosi live e l’esperienza acquisita, il demo dei nostri è una mezza delusione: quasi mezz’ora per cinque canzoni ci è sembrata un’infinità, soprattutto considerando che il lavoro del gruppo è notevolmente penalizzato da una qualità di registrazione molto scarsa, al limite della decenza.

Inoltre, le doti dei due chitarristi, si limitano alla tecnica pura, senza dedicarsi minimamente alla scelta di suoni raffinati; il risultato è così un’atmosfera gelida, totalmente incapace di trasmettere la minima emozione. Per permettervi di capire meglio, l’ambientazione è sempre la stessa: durante i brani ci si ritrova dispersi in cavalvate ora vicine agli Iron Maiden, ora ai Metallica, senza quasi un solo attimo di respiro. La batteria, tipicamente heavy metal, fa semplicemente da contorno alle ritmiche delle chitarre, sottolineandone ogni singolo passaggio, quasi fosse una drum machine priva di anima.

“A mente sospesa”, è il terzo e unico brano in grado di allentare la tensione che caratterizza le altre canzoni del demo, grazie all’azzeccatissima scelta di utilizzare una folk equalizzata in maniera eccellente, dal suono caldo ed accattivante. Purtroppo, qui la reale pecca è la linea di voce, cui forse il vocalist non si è dedicato con la dovuta cura. Al contrario, negli altri pezzi, seppur crudi ed ossessivi, il cantato ricorda a tratti la semplicità dei compianti Nirvana e sfrutta a pieno le innegabili capacità vocali del singer.

Un consiglio per questa band emergente? Sicuramente quello di dissociarsi dal già sentito, approfondendo la ricerca di atmosfere, suoni e ritmiche che sorprendano l’ascoltatore, (come, ad esempio, quelle dei Soundgarden per intenderci) capaci soprattutto di donare loro un’identità reale e riconoscibile che lasci il segno anziché passare inosservata.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >