27/04/2011

Due gruppi che hanno segnato la musica italiana in profondità, e non solo nell'ultimo fortunato anno di attività appena trascorso. Spesso accostati tra loro per le trame narrative dei recitati o le oscure atmosfere dei suoni. La poetica di Succi legata alle trame minimali di Dorella è di un altro Pianeta, quella di Clementi è invece terrena ma fortemente straniante, coadiuvata da intarsi di chitarra di rara efficacia. Entrambi con le loro parole fanno semplicemente scendere giù per volare più in alto, da dove le cose prendono finalmente la giusta prospettiva, naturalmente bisogna abbracciarne le gelide voluttuosità e lasciarsi andare senza timore.

Questo EP che non è solo pura celebrazione, con i Massimo Volume che imbellettano "Morse" dei Bachi ed i Bachi che arruffano liofilizzando la già impetuosa "Litio" dei Massimo Volume… Bensì anche "un ponte tra ciò che è stato e ciò che sarà", come dimostrano gli avvincenti inediti: "Un Altro Domani" ci fa capire che i Massimo Volume sono sul pezzo e che "Cattive Abitudini" è solo l'inizio, "Stige 11" dei Bachi invece è martello pneumatico, pompa massima di un mondo di suoni che sta per esplodere e non vediamo l'ora che accada. Aspettiamoci cose ancora più grandi per il futuro.

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • Pain 07/04/2011 ore 22:10 @pain

    Grandiosi!!!
    Non mi potevo aspettare di meglio!

  • fp 11/04/2011 ore 00:49 @rageatm

    I Bachi da Pietra non hanno mai fallito un colpo, e si candidano come miglior gruppo alternative rock italiano dell'ultimo decennio, almeno per me.

  • makxnoise 11/04/2011 ore 04:45 @makxnoise

    accoppiata perfetta, era pressochè impossibile restarne delusi.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati