Paolo Cattaneo Il Gioco EP 2011 -

Disco in evidenzaIl Gioco EP precedente precedente

Cos'altro dire di Paolo Cattaneo che già non sia stato scritto su queste pagine? Chi è attento alle evoluzioni del cantautorato italiano sa già che si tratta dell'interprete più talentuoso sulla piazza. Chi non ne ha mai sentito parlare, invece, può partire tranquillamente dall'EP "Il Gioco" e rimanere coinvolto dal senso di meraviglia che accompagna ogni nota pensata e scandita. Più dei Non Voglio Che Clara, di Paolo Benvegnù o di Marco Parente, Paolo Cattaneo riesce a trovare il modo giusto per ammortizzare la sua poetica esistenzialista all'interno di una forma canzone che qui trova nuovi stimoli e nuove emozioni, tra elettronica travestita da musica leggera ("Se Lasci Fare Al Vento") e arrangiamenti carichi di dettagli sonori in perfetto equilibrio armonico ("L'Uomo Sul Filo"). Niente da aggiungere, dunque. E allora fomentiamo un passaparola che sia più grande della strafottenza culturale che attanaglia il paese, nel quale viene premiato solo chi gioca al ribasso col sorriso sulle labbra.

---
La recensione Il Gioco EP di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-04-20 00:00:00

COMMENTI (4)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • fuurin 10 anni Rispondi

    Uno stile unico. Bello!

  • picpus 10 anni Rispondi

    non concordo, trovo la poetica di benvegnù più interessante
    ma soprattutto la capacità di usare le dissonanze, i colori, le sfumature, a volte anche la forzatura delle parole nella metrica rendono tutto più dinamico e danno più forza ai contenuti dei testi..almeno a me arriva di più.



  • bordeaux 10 anni Rispondi

    "L'uomo sul filo" è irresistibile: il sound è epico e incalzante, le parole volteggiano elastiche, gentili, aeree. Qui c'è quella luce che manca nei lavori di Parente e Benvegnù...

  • picpus 10 anni Rispondi

    preferisco i testi dell'altro paolo (benvegnù) e anche il resto, sopratutto la band che fa la differenza...cmq davvero interessante anche questo lavoro! bravo!