Faithleap Deep 2001 - Crossover

precedente precedente

Reputo un segnale decisamente preoccupante il fatto che, ogni volta che mi metto ad ascoltare un cd di nu-metal, mi trovo costretto a ripetere a me stesso che é necessario mettere da parte ogni pregiudizio.

Nonostante i miei buoni propositi, scopro che è sempre più difficile giudicare le numetalband per quello che sono e non per quello a cui cercano di assomigliare...

Capita sempre più spesso di deprimersi ascoltando demo autoprodotti con mille fatiche da ragazzi ricolmi di capacità e passione, che si limitano semplicemente a fare quello che tutti si aspettano, senza mai riuscire a dare un briciolo di autonomia artistica ai propri sforzi in sala di incisione.

I Faith Leap non sfuggono a quella che é diventata una tendenza pericolosa, dimostrando di conoscere a menadito ogni dettaglio del nuovo metallo, dando sfoggio della loro padronanza di quelle che sembrano ormai essere diventate delle ferree regole compositive.

Chittare potenti, ritmica fragorosa e incisiva, impatto sonoro, melodia sempre presente, voce capace di cantare e grugnire, testi in un inglese più che accettabile, arrangiamenti sapienti e incisivi... insomma, pur con le croniche limitazioni dell'autoproduzione, i tre pezzi dei quattro romani sono fondamentalmente impeccabili ma assolutamente prevedibili e privi di quel carisma necessario per tirarsi fuori dal grande faldone degli anonimi in attesa di sistemazione.

Il consiglio é quello di provare a partorire le prossime composizioni ricordandosi che Roma non ha i grattacieli.

---
La recensione Deep di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-12-12 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia