Satan is my brother A forest dark 2011 - Strumentale, Sperimentale

A forest dark precedente precedente

‘L’Inferno’, film muto del 1911, raccontato attraverso accenni sonori che mescolano jazz, elettronica e il retaggio visionario dell’Opera dantesca.

La prima impressione che si ha guardando la copertina di questo disco è che ci sia di mezzo la new wave: sin dal titolo uno si immagina di avere a che fare con qualcosa legato ai Cure, mentre poi comprendi che ‘A Forest Dark’ altro non è che la Selva Oscura descritta da Dante Alighieri. Il lavoro si ispira a un film muto del 1911 intitolato per l’appunto “L’Inferno”, una pellicola visionaria ricca di effetti speciali (che all’epoca si risolvevano in sovrimpressioni, doppie esposizioni e particolari tecniche di montaggio) con tante comparse e un tema importante, una delle prime grandi produzioni del cinema italiano.

Gli otto ‘movimenti’ contenuti nell’album accompagnano la trama con suoni ipnotici e cadenzati, fiati che irrompono sulla scena a stridere col susseguirsi dei fotogrammi (“Movimento III”), rumori di fondo da bolge fredde e tremanti fatti di elettronica minimale (“Movimento V”) e un ‘Riveder Le Stelle’ sintetico e nervoso che poi lascia speranza nel movimento in chiusura. Un disco complesso, che desta attenzione per l’atmosfera e la cura, probabilmente adatto a farsi colonna sonora, ma difficile da ascoltare senza immagini: comunque una prova decisamente interessante.

---
La recensione A forest dark di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2012-02-02 00:00:00

COMMENTI (4)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • NoiseoftheUniverse 10 anni Rispondi

    Concordo con l'impressione della recensitrice; la musica rende pienamente quando è accompagnata (o accompagna?) i fotogrammi del film. Assolutamente da non perdere il live.
    Non direi che ci sono influenze evidenti con Gong ecc... casomai per certe sonorità ed atmosfere mi fanno ricordare i The Kilimanjaro Darkjazz Ensemble.

  • rudefellows 10 anni Rispondi

    veramente a me sembra diverso sia dai Gong sia dalla scuola di Canterbury

  • utente57088 10 anni Rispondi

    un album con poche idee e anche vecchie, sta roba qui' la facevano 40 anni fa ma molto meglio i Gong e quelli del filone della scuola di Canterbury
    6 -

  • rudefellows 10 anni Rispondi

    disco bellissimo

IL TUO CARRELLO