< PRECEDENTE <
album Possibilities - Sarah SchusterIn evidenza

recensione Sarah Schuster Possibilities

2011 - Rock, Folk, Blues

RECENSIONE
08/08/2011

Come quando incroci degli occhi accesi, pieni di vita, che vedono proprio te, leggendoti dentro senza che tu possa opporre alcuna resistenza: la pervasiva piacevolezza di un abbandonarsi senza freni è la sensazione che permea l'ascolto di "Possibilities", secondo album dei Sarah Schuster. Nove tracce e poco meno di trenta minuti è quanto basta al trio vicentino voce-chitarra-batteria per intraprendere con sorprendente determinazione la strada senza certezze del possibile, che attraversa sonorità blues, echi folk e ambientazioni post-rock, affidandosi alla versatilità melodica e ritmica dell'inglese e non perdendo per questo forza in racconto.

I nove episodi di "Possibilites" sono come dei piccoli labirinti a forma di canzone, in cui però ad ogni angolo è possibile ritrovarsi. Le linee melodiche, affidate alla voce penetrante ed espressiva di Daniela Dal Zotto, ti conducono per mano attraverso percorsi familiari ma non prevedibili, che sanno sorprendere ed incuriosire. Melodie ad impatto, che non si attaccano addosso come facili motivetti, ma che esplorano le possibilità (per l'appunto!) del cantato indie-rock. Ma è il ritmo, di chitarra e batteria, a farti ritrovare la strada, a farti sentire a casa: ti accoglie, ti coinvolge e ti travolge irrimediabilmente, ora in una forma quasi ipnotica, sospesa, che lascia più spazio allo sviluppo del testo cantato ("Deep Lakes", "The photographer"), ora nel dilagare di un tempo che ti insegue lasciandoti senza fiato ("Look in the Mirror", "Erasmus").

Nel gioco allora degli opposti, tra immediatezza e riflessività, tra elettricità e melodia, tra l'incalzare del tempo in levare e il procedere discreto ma deciso del canto, si apre lo spettro del possibile. Talvolta è difficile coglierne la forza, eppure è come uno stato di grazia: vivere conoscendo le differenze più intangibili e sapere scegliere, sapere decidere cosa prendere dal mondo e cosa no. "Sometimes it's hard to live in this state of grace". In questo caso tuttavia non c'è proprio altra possibilità: "Possibilities" si prende senza dubbio, si riascolta senza sosta, si ama senza freni.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (9)
Carica commenti più vecchi
  • Laura Campi 11/07/2011 ore 13:59

    difficile scegliere la più bella, son tutte belle!! sempre meglio sti Schuster! :]
    I WANT THE CD RIGHT NOW!!! :]

    > rispondi a @lauracampi
  • Manuela Ballan 11/07/2011 ore 18:44

    Grandiose come sempre! ...parliamo al femminile... non me ne voglia matteo, però! Le maracas no, ma un bel cembalo in "Erasmus" ce lo avrei messo volentieri ;)

    > rispondi a @manuelaballan
  • Sarah Schuster 12/07/2011 ore 13:03

    l'avrai!

    > rispondi a @sarahschuster
  • Sarah Schuster 12/07/2011 ore 13:04

    magari live...

    > rispondi a @sarahschuster
  • Primo Pensa 12/07/2011 ore 19:35

    a me la produzione sembra alquanto adeguata invece e il disco spacca

    Benedetti esterofili....

    > rispondi a @pensaprima
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti