< PRECEDENTE <
album Velluto blu - Marlowe

recensione Marlowe Velluto blu

2001 - Cantautore, Rock, Indie

RECENSIONE
27/01/2002

Il più grosso errore che molti giovani gruppi/artisti italiani compiono è sempre più spesso lo stesso: voler essere gli Afterhours quando in realtà non lo sono! Così su due piedi mi vengono in mente gli Alias, gli Eugénie, Moltheni e, come previsto, i Marlowe. Ascoltando infatti le tracce di questo loro demo, che vanta la produzione di Cesare Basile, salta subito all’occhio - o meglio: alle orecchie - la tendenza della band di impostare il proprio suono su coordinate che già altri hanno individuato e che quindi difficilmente, così facendo, riusciranno a indicarne di nuove.

E non che “Velluto blu” all’ascolto non piaccia, ma lascia poche tracce indelebili nella mente di colui che lo ascolta - anche se si percepiscono gli sforzi compiuti dall’ensemble siciliano di lavorare ‘di fino’ su alcune chitarre e su certe melodie pop (“Blue velvet”). Manca però, come al solito e sempre di più in quest’ultimo periodo, una ‘bella voce’ che caratterizzi la proposta nei momenti più rabbiosi ed energici; Salvo Ladduca, infatti, ci sembra debole in qualità di vocalist e poco portato ad interpretare al meglio un ruolo che non crediamo gli si confà.

Altro aspetto su cui concentrarsi penso sia quello relativo ai testi, ‘ferita’ che persino i ben più famosi Verdena fanno fatica a rimarginare, ma alla quale sopperiscono con un notevole lavoro sui suoni. E so benissimo che stiamo parlando di mezzi a disposizione e opportunità totalmente diverse, ma qui è l’approccio che non convince fin dal primo ‘play’.

Penso che i Marlowe abbiano ancora molto tempo da passare in studio per crescere e produrre materiale che li possa distringuere dal resto; il rischio, altrimenti, è di rimanere confusi per sempre nella massa informe di gruppi che ‘vorrebbero essere’, ma che… ancora non sono.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (3)
Carica commenti più vecchi
  • assia 12/09/2006 ore 02:21

    Faustiko...ma vaffanculo tu e quelli che debbono per forza essere originali.Uno fa quello che si sente di fare e che gli piace,non per forza quello che serve a sbalordire quelli come te.

    > rispondi a @assia
  • Stefano "Acty" Rocco 12/09/2006 ore 02:25

    ...verissimo... infatti io quando gioco a calcetto non chiedo mica a faustiko di farmi le pagelle...


    > rispondi a @acty
  • Faustiko Murizzi 12/09/2006 ore 10:27

    cazzo... ma ve le leggete proprio tutte?!? :] fate bene, eh?!?

    pensa che io avevo rimosso...
    però mi ci ritrovo!

    > rispondi a @faustiko
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >