< PRECEDENTE <
RECENSIONE
25/08/2011

A parlare di Giorgio Tuma, si finisce sempre per evocare atmosfere da mondi lontani e avventure fantastiche, quasi i suoi dischi fossero libri di fiabe. E in effetti, anche ascoltando il nuovo "In the Morning We'll Meet", la prima cosa che affiora alla memoria sono le meravigliose colonne sonore dei cartoni Disney di qualche trentennio fa: orchestrazioni magistrali, fiati leggeri come nuvole, composizioni studiate e ristudiate per immergere l'ascoltatore in una realtà straordinaria e nel modo più semplice possibile. Quello di Tuma del resto è un pop limpidissimo, che sfarfalla riflessi d'ombra come una tenda leggera nel primo pomeriggio. Glockenspiel che stilla, tastiere che tessono ricami di luce, la voce di Matilde De Rubertis che si mescola a quella di Giorgio in un soffio morbido: tutto fa pensare alle sfumature e alla lentezza delle mezze stagioni, quando ci si accorge sotto la pelle che qualcosa è appena cominciato, o appena finito.

A tratti le composizioni ricordano il genio di Momus, che appendeva la vocina di Kahimi Karie su per un filo sopra un oceano di ammiccamenti, o ancora a volte si ha l'impressione di essere davanti a qualche collanina rubata dal cassetto di Devendra Banhart, come in "Eyes full of bitterness"; del resto anche sull'inglese Guardian si sono accorti che a Lecce c'era qualcosa che splendeva più del sole sulle case bianche, che "è difficile non amare qualcosa di così delicato".

In un luccichio corale di occhi e note, ecco che infine Giogio Tuma ci lascia cadere e scivolare in uno stato di rilassatezza estrema e suadente pigrizia, come se tutte le preoccupazioni fossero ormai lontane. A tutto il resto, ci si penserà domani mattina.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (6)
Carica commenti più vecchi
  • Faustiko Murizzi 27/07/2011 ore 00:10

    Grandissimo Tuma, come sempre! :)

    > rispondi a @faustiko
  • Mentivo 29/08/2011 ore 18:50

    ...Giusto qualche giorno fa vedevo un frammento di un vecchio film italiano e mi chiedevo se mai tornerà un periodo di arrangiatori dal tocco appassionato e la limpida visione fatata delle atmosfere. Ora so che non bisogna mai disperare. Bel disco e (bella) recensione chirurgica. So che non alimenterò il dibattito con il dramma o l'attacco personale, ma complimenti a tutti! :)

    > rispondi a @mentivo
  • Cesar P. 29/08/2011 ore 20:33

    Dopo aver letto i commenti entusiasti mi sono ascoltato tutte le canzoni dall'inizio alla fine.

    Non capisco il riferimento a Disney, e dirò di più, non sarò tanto sensibile ma non capisco cosa ci sia di bello (oltre la registrazione, i bei suoni e le belle voci), magari ve ne sarei grato se voleste spiegarmelo e apriste i miei orizzonti.

    Le canzoni sembrano un po' tutte uguali, e per coniare una definizione riguardo l'arrangiamento mi faccio aiutare da due parole che leggo alla fine della recensione: estrema pigrizia.

    > rispondi a @cesareparmiggiani
  • marco columbro 01/09/2011 ore 02:44

    bella recensione, volevo solo segnalarti che matilde de rubertis non canta in questo disco, le voci femminili sono di lori cullen e susanna wallumrød, mentre un paio di brani sono prodotti da michael andrews

    > rispondi a @veroniko
  • Zagor 15/11/2011 ore 00:48

    madonna quanto si sta bene in questo disco !

    > rispondi a @zagor
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti