< PRECEDENTE <
album Radiovox - Radiovox

recensione Radiovox Radiovox

1998 - Rock, Elettronico, Crossover

RECENSIONE
21/01/2000

Stavolta ho a che fare col demo di un quartetto aretino che si fa chiamare Radiovox e ci propone 5 pezzi ad alta carica di adrenalina, quasi a voler sfruttare la scia dei concittadini Negrita. E non è un caso che citi il gruppo di Pau e compagni, siccome il lotto di canzoni incise dai nostri giovani toscani ha trovato un supporter speciale che risponde al nome di Cesare 'Wild' Petricich, 2° chitarra in forza ai più famosi Negrita di cui sopra.

Così l'omonimo demo dei Radiovox non mancherà certo di appassionarvi se le chitarre rock fanno parte del vostro background; già l'iniziale Tutto regolare, con le sue ritmiche decisamente funky, palesa i territori sonori della band che la successiva Avrai non smentisce, anzi ribadisce con decisione. Naturalmente il lavoro dietro al mixer di Cesare Petricich è non solo un marchio di garanzia ma anche un supporto non indifferente per le scelte stilistiche; non sorprenda perciò l'atmosfera soffusa (a livello musicale) che caratterizza un pezzo come La stanza, ballata che richiama non poco quella Paradisi per illusi di ormai 5 anni fa.

Non c'è insomma nulla di nuovo da sentire (anche per quanto riguarda Cercando me e Non so far niente) e su cui contare, nel senso che il quartetto conta solo un elemento in meno rispetto alla band guidata da Pau; non per questo la loro proposta dispiace, ma un lavoro di ricerca su affinamenti e personalizzazione dello stile è caldamente consigliato.

P.S. In realtà il singolo Mr. Superstar, successivo a questi 5 brani, sembra raccogliere inconsciamente il consiglio del sottoscritto; tuttavia non continua a convincermi completamente, ma rimango comunque fiducioso.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >