Filippo Tirincanti Otherwise 2011 - Soul, Jazz, Funk

Otherwise precedente precedente

Ci sono solo due tipi di musica: quella buona e quella cattiva. L'album di esordio di Tirincanti sta dalla parte giusta della barricata.

Sempre lì a cercare la novità, ad inseguire il nome nuovo. Non siamo forse tutti un po' così, quando si tratta di musica? E magari non solo quella. Comunque: quando uno sa fare una cosa, e la sa fare bene, non occorre certo che si occupi di chissà che razza di sound. Filippo Tirincanti, per esempio, sa fare molto bene due cose, pensa un po': sa suonare (per approfondire la questione vedi "Emozioni skit" dall'album di Macrobiotics) e sa comporre ottime canzoni. Quindi siamo a cavallo, perché se è vero che il musicista di origine riminese si muove essenzialmente tra jazz, soul, funk e blues, con qualche puntantina verso il rock'n'roll primigenio - quindi nulla di nuovo, dico, se pensi al percorso di Keziah Jones, versante funk/rock, o Ivan Segreto, versante jazz/pop - è anche vero che il trovarsi a cantare con lui a squarciagola dopo aver alzato il volume dello stereo al massimo è un segnale del tutto positivo.

Questo "Otherwise" pullula di potenziali singoli. Ne cito giusto tre: il jazz di "Sweet love", la ballad di "Reality", l'r'n'b zona The Supremes di "She smiles". Mi fermo qui. Filippo ha una voce perfetta per il ruolo, una pronuncia dell'inglese sicura ed è circondato da musicisti di alto livello. Gli arrangiamenti rendono davvero giustizia all'idea musicale (senti il magnifico profumo Motown sparso dagli archi in "Here I am"), e anche quando la trama sonora si riduce a pochissimo (il duetto piano e voce di "Ladies", la chitarra, voce e cori di "Awareness"), Filippo si tiene in piedi alla grande. Se aggiungi a tutto questo una ballabilissima revisione di "Get up stand up", unica cover dell'album che dà nuova vita ad un brano stupendo e purtroppo stinto di Marley, capirai di cosa parlo. "Go ahead Phil, I know you got soul".

---
La recensione Otherwise di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2012-02-29 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia