MooSaiko Il vanto dell’assenza 2001 - Cantautoriale, Rock, Pop

precedente precedente

Avevamo lasciato i Moosaiko alle prese con un pop-rock di facile presa, senza troppe pretese, comunque gradevole e per nulla disprezzabile. Da quel cd-r intitolato “Frammenti” è passato solo un anno, ma sembra un’eternità. Alla ricerca di nuove forme espressive, Luka Saita e soci hanno scelto un’altra strada: abbandonare la forma canzone dura e pura per un rock più dinamico ed aperto a nuove soluzioni. La formula della band si è così avvicinata a trame vicine ai ’70, caratterizzate da una spasmodica ricerca tesa a perfezionare il suono, lontano da facili riff, giocando a spostare il tiro verso una ricerca, di stampo progressive, di destrutturare la melodia. Esperimento riuscito a metà: il disco è ben suonato, ma quasi tutti i pezzi sono appesantiti dalla quasi maniacale voglia di tornare indietro nel tempo. Il difetto più grave del cd in questione, sta proprio in una mancanza pressoché totale di originalità: il disco suona irrimediabilmente vecchio, nonostante gli onesti sforzi profusi. A mancare è l’istintività, sacrificata ad un manierismo estremo, profuso in modo esagerato. Non si tratta, comunque, di materiale inascoltabile, tutt’altro. La band si dimostra rodata e il limite più evidente presente nel precedente lavoro, cioè l’idiosincrasia nei confronti di un suono più duro, sembra superato. A dimostrarlo “Esplodo”, di gran lunga il miglior pezzo dell’opera. Le liriche, più ambiziose rispetto a “Frammenti”, sono tutto sommato accettabili, nonostante qualche banale caduta di tono. A questo punto è difficile scegliere tra i Moosaiko vecchio stile e quelli di oggi. Classificare “Il vanto dell’assenza” come un incidente di percorso ci sembra ingeneroso. Meglio considerarlo alla stregua di un tentativo teso ad intraprendere un percorso diverso. Ora non rimane altro che scegliere in modo definitivo questa direzione, oppure battere strade meno pericolose.

---
La recensione Il vanto dell’assenza di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2002-02-07 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia