His Electro Blue Voice Dead sons [ep] 2011 - Punk, Psichedelia, Noise

Disco in evidenza Dead sons [ep] precedente precedente

Joy Division uber alles. Noise a palla, urgenza lo-fi. Strepitanti e strepitosi.

Con alle spalle solo una tripletta di 7", gli HEBV appaiono maturi e capaci di ritagliarsi uno spazio importante nel multiverso indie italiano. Il loro è un incompromissorio e orgogliosamente urlato post-punk, intriso di tutto quel minimalismo nichilista intrinseco al genere, o semplicemente pieno di quella salda pulsione rock, che con formula arcaica diremmo: senza fronzoli.

Sorprende l'opener "Dead Mice", sia per verve che per rilettura personale di materiali alla Bauhaus. Urlata e più anglo della Regina, "Eat Sons", cui non sfuggono lembi di stelle-e-strisce molto evocanti le spigolosità roche di un Frank Black, o Pixies che dir si voglia. A chiudere il cerchio le oscure pendenze di "Zum", Joy Division uber alles. Noise a palla, urgenza lo-fi. Strepitanti e strepitosi.

---
La recensione Dead sons [ep] di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-11-18 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • hiselectrobluevoice 11 anni Rispondi

    sarebbe un modo per far vivere il pezzo anche dopo il silenzio
    magari non arriva, ma dovrebbe rappresentare uno sfogo personale che non ha fine
    come un loop
    in effetti esteticamente si potrebbe fare di meglio
    ma forse è solo che sono troppo fan dei finali soul 60's quando i pezzi venivano tranciati selvaggiamente

    saluti:)

  • faustiko 11 anni Rispondi

    Ma perché sfumare la 2° traccia così!?!?! :=

  • utente44253 11 anni Rispondi

    smettetela di impbrattare le fermate del bus

IL TUO CARRELLO