Lento Icon 2011 - Sperimentale, Metal

Disco in evidenzaIcon precedente precedente

Magnifica sontuosità nel nuovo lavoro della band capitolina, e una discesa sulfurea nel doom strumentale, come non se ne sentiva da anni.

L’originalità è la ricerca spasmodica - e impossibile - che ossessiona l'uomo occidentale. Se vista da parte di un orientale, naturalmente. Se assumiamo le difese della personalità, contro (o ignorando) ogni pretesa di novità, il nuovo lavoro dei Lento appare come un must del post-core, quasi un capolavoro.

Forti di tour europei, e di una produzione eccellente, grazie all’operosità di musicisti come Matteo Spinazzè (Zu), che si è preso cura dei tamburi, e Lorenzo Stecconi (Ufomammut), a trattare chitarre e basso, la formazione romana firma un lavoro potente e incredibilmente incisivo, capace di ritagliarsi con prepotenza un posto di rilievo nel panorama sludge internazionale.

“Then” è una funerea sinfonia screziata di neoclassicismo (una Neverland in cui Albinoni potrebbe contrarre rapporti impuri con i Candlemass). Macchiata di prog e scura più del cuore del kaiser è “Hymn”, con picchi di saturazione e vuoti abissali; un certo sghembo noise raggiunge le vette di “Limb” (e “Hymen”), non senza punte di metal puro, dove il drumming si libra, raggiungendo un fragoroso successo.

Certo, si potrà obiettare che vicini (molto) sono i Neurosis e gli Isis, che a lato tengono i Pelican e che al centro innervano un cuore di doom piuttosto vetero e codificato. Ma chissenefrega: se un disco suona così, l’unica cosa da fare è spararlo a palla.

---
La recensione Icon di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-12-22 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente57088 9 anni Rispondi

    buone idee e molta molta sostanza 8 ( i riferimenti ed i dettagli della recensione sono precisi ed esaustivi )