07/11/2011

Chi non ricorda i memorabili viaggi nello spazio di Bowie, perso tra stelle e galassie visionarie, mentre i piedi rimanevano saldi a terra, tra nostalgia e smarrimento e vorticose rotazioni nell'universo infinito dell'indimenticato Major Tom. Ho sempre immaginato così un mio ipotetico futuro da astronauta: paura consapevole accompagnata da buona musica.

E allora prendiamo "I Am Ian" e portiamoci in prossimità della rampa di lancio, perché Ian pare sia un provetto spaceman e ci saluta sorridente dal finestrino, mentre si diffondono scariche di pop elettronico dal piglio caraibico ("Out Of Control"). E balla contento, mentre la forza di gravità lentamente l'abbandona e, sul confine tra l'azzurro e il blu e un orizzonte scuro, ammicca con trascinanti percussioni e canta sensuale passandosi la mano tra i capelli ("They Call It Abduction"), per lasciarsi andare all'irrefrenabile gaiezza electrocountry di "Spacecraft", probabilmente proprio nel momento in cui guarda la Terra da lontano, come se non fosse sua, e qui balla ancora di più.

La Costellazione di Orione è vicina e il mood si fa più profondo, gli effetti malinconici e i riverberi riflessivi, e i toni bassi conducono il nostro eroe verso la stella più luminosa, Rigel, e dopo aver ballato per 775 anni luce finalmente si distende in una nuvola luccicante di synth, e chiude gli occhi, non riuscendo ancora a capire la differenza tra approdare e perdersi. E mentre li riapre lentamente, la musica continua a suonare piena, tra artifici tecnologici e sperimentazioni sonore che diventano quasi visibili per la loro rotondità. Un gran saluto a Ian, ovunque egli sia, e applausi per i To You Mom.

---
La recensione To You Mom: - Recensione - I Am Ian di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 18/07/2019

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • seymour 28/10/2011 ore 14:13 @seymour

    IAM IAN e out of control mi ricordano qualcosa.......

  • monica fisar 07/11/2011 ore 10:59 @monicafisar

    bellissimo disco!

  • LaikaTouch 22/12/2011 ore 13:02 @LaikaTouch

    Ci sta l'omaggio a Curtis, poi è un disco abbastanza originale nelle sonorità, no? A me piace.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati