parafungo Pensione Parafungo 2011 - Cantautoriale, Alternativo, Post-Rock

Pensione Parafungo precedente precedente

Ep con solamente tre tracce per questo originale cantautore, tra il naif e l’impegnato. Lontano anni luce da talenti quali Dente e Bugo, ma neanche da sottovalutare.

Un po' cantastorie naif, un po' cantautore intimista, Parafungo considera se stesso e il suo progetto musicale difficile da definire, a causa dei suoi “frequenti mutamenti di umore”. Certo è che, di brano in brano, variano i toni stilistici dei testi e variano anche quelli musicali, rendendo difficile l’inserimento in una categoria precisa.

“Doppio me”, primo dei tre brani dell’Ep “Pensione Parafungo”, sembra essere incentrato su una sorta di schizofrenia dell’autore: “Prima mi creo e dopo m’accoppio. Se non mi sdoppio, giuro: io scoppio”. L'esigenza di un aiuto per far fronte alle difficoltà della vita o la necessità di allontanarsi da se stesso per un po'?

Segue “Odissea Flegrea”, esilarante narrazione di un viaggio che appare come una serie di spostamenti frenetici da questa a quella località campana, tutto per i capricci di una compagna troppo esigente. Fidanzamento infelice anche in “Ciò che Pretendo da Te”, con una ragazza che relega l’amico nella sua fredda “mansarda”. E pensare che lui pretenderebbe solo “una carezza dopo l'amore” e “due biscotti dopo il caffè”.

Personaggio goffo e certo non fortunato in amore, Parafungo è lontano da gente come Dente o Bugo, ma non è certo da sottovalutare.

---
La recensione Pensione Parafungo di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2012-01-27 00:00:00

COMMENTI (4)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • iocero 9 anni Rispondi

    Lontano da Bugo? Allora questo un cervello ce l'ha...

  • utente57088 9 anni Rispondi

    la copertina dell'album e' interessante, per il resto non mi pronuncio anche perche' non ritengo ne Dente ne Bugo due artisti degni di riferimento per nessuno ( mia modesta opinione)

  • irerules 9 anni Rispondi

    Ciao, mi dispiace che tu abbia recepito soltanto gli aspetti negativi della mia recensione. In realtà lo considero un personaggio musicalmente valido anche se - confermo - non mi sembra sia ancora all'altezza di un cantautore come Dente, ma naturalmente è solo una mia opinione. Sono sicura comunque che Parafungo se continuerà a lavorare seriamente si farà strada nel mondo della musica perché le potenzialità ci sono tutte. Grazie della tua attenzione e continua a seguire le mie recensioni: le tue critiche saranno sempre per me istruttive ;-)

  • rita78 9 anni Rispondi

    Non voglio mettere in dubio/discussione la capacità di comprensione di nessuno ma a me sinceramente non sembra “Lontano ANNI LUCE da talenti come...” ANZI!!!
    E sicuramente non voglio mettere in discussione il concetto di Talento!
    Mi limiterò a dire che secondo me Parafungo con il suo “PERSONAGGIO goffo” di certo non annoia!!!
    È da apprezzare la sua grande capacità di giocare con i toni stilistici dei testi(sicuramente avrete notato la complessità delle rime)e quelli musicali. Fuori dalla mischia(sempre secondo me)il che lo può rendere difficile da capire ad un primo approccio.
    Forse oggi giorno non si bada più a certi aspetti di una canzone quando si valuta!

    Per concludere Parafungo e il suo progetto:
    Assolutamente da non sottovalutare!