Huge The Fighting Monkey Time 2011 - Rock, Alternativo

The Fighting Monkey Time precedente precedente

Rock asciutto, diretto, senza fronzoli e patinature. Con i R.E.M. in fondo al cuore. Il "tempo delle scimmie combattenti" però, non è ancora arrivato.

Gli Huge & The Fighting Monkey ci consegnano mezz'ora di sincero pop-rock, con venature blues e psichedeliche. Senza patinature e senza fronzoli. Asciutto e diretto. Purtroppo, nonostante il progetto sia credibile, al momento la proposta resta davvero poco allettante e convincente.

Sarà per quelle melodie sentite e risentite e per la pochezza strutturale e di spessore dei brani? Oppure è la mancanza di un qualsivoglia graffio a livello comunicativo e quindi espressivo-emozionale? I sei pezzi, più due pensieri (bonus track) per non deludere le aspettative dello zoccolo duro di fan, planano ma non decollano. Complice della disfatta, la lingua da loro utilizzata (l'inglese), a discapito della ricerca di un "lessico" musicale (nel senso più ampio del termine) più originale e meno vicino all'emulazione di The Cult, dei soliti The Rolling Stones, dei Coldplay e soprattutto dei R.E.M., la cui produzione viene qui eretta a totale e assoluta musa ispiratrice dell'album.

Da segnalare alcuni elementi destabilizzanti dal punto di vista sonoro, come l'assurdo assolo metallico in "Spirit" o come le pesanti ritmiche nel ritornello di "Fuckin Television". Insomma, un disco noioso e carente di colori e di atmosfere diversificate. Riprovateci!

---
La recensione The Fighting Monkey Time di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-12-01 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia