16/12/2011

L’avrei voluto avere sottomano ai tempi delle superiori, un gruppo come i Fast Animals and Slow Kids. Questa loro sana cazzonaggine mi ricorda di quando, sull’autobus, si giocava a fare i punkabbestia e l’autista, incazzato nero, iniziava ad abbordare le curve a più di 100 all’ora. Ci sarebbe stata predispozione naturale, sarei andato a nozze con quelle ballonzolanti linee di chitarra, col fascino di un performer come Aimone, con la furia e la strafottenza di certe soluzioni ritmiche. Li avrei discretamente amati, e se te li avessi fatti ascoltare, magari durante l’intervallo passandoti la cuffia destra che faceva sempre ‘crrr’, avrei sperato che gli occhi ti brillassero di punk, e implorandomi avresti detto ‘dammi questa roba’.

Ora, con un paio d’anni in più sul groppone, le cose funzionano in maniera diversa, e forse non è solo colpa mia. Nel senso che un disco come “Cavalli” non riesce a stupirmi fino in fondo. Non mi butta dalla sedia, né tantomeno mi fa tenere il repeat 4-5 volte di fila. E soprattutto non mi ritrovo a fischiettare o cantare le canzoni, e questo per un disco prettamente punk rock credo sia un po’ una pecca. E dispiace ancora di più a pensare che i pezzi hanno un gran tiro, sono costruiti in maniera eccellente (considerato anche il fatto che è un esordio) e loro hanno gli occhi vispi e felici di chi si diverte a suonare. Però, onestamente, il tutto non và aldilà della soglia del ‘carino’.

Riallacciandomi al discorso di prima, lo ascolti da preso bene, ti dici ‘cazzo che fighi questi’, però, dopo la fotta del momento, il giorno seguente difficilmente te ne ricorderai. È un discorso che a tante band andrebbe bene, ma che ai FASK non vorrei associare. Non ci si deve dimenticare del fatto che sono esplosi dal nulla nemmeno un anno fa, hanno conquistato gente come Appino degli Zen Circus (che qui sta alla produzione) e hanno un seguito abbastanza numeroso per essere agli esordi. E poi live sono una vera bomba, hanno personalità da vendere ed è una goduria vederli. Per questo, mi permetto di dirmi insoddisfatto da questo disco.

In realtà mi aspettavo un ulteriore balzo in avanti dopo l'ep d'esordio che li aveva lanciati. Invece è come se tutto fosse rimasto pressapoco uguale: ai pezzi forti come "Cioccolatino" e "Lei" se ne sono aggiunti giusto un paio ("Copernico" e "Nervi"). Gli altri non convincono, e regalano poco e niente. Alla grossa attitudine che hanno di base devono secondo me aggiungere un po' tutto il resto: ampliare il tiro, essere capaci di lasciarti qualcosa in più. È un debutto, spero di ricredermi in futuro.

Tracklist

Commenti (18)

Carica commenti più vecchi
  • laroby 21/12/2011 ore 01:35 @laroby

    e aggiungo solo:

    lo streaming del loro disco su rockit ha quasi 500 mi piace mentre questa recensione solo 6. fatti due domande..

  • Paolo-Gubbio 10/01/2012 ore 21:49 @Paolo-Gubbio

    Recensione VERGOGNOSA!

  • Grazie Mario 28/01/2012 ore 23:26 @graziemario

    sto ascoltando il disco e mi piace. e mi piace pure la recensione.

  • Elegy 29/01/2012 ore 20:35 @Elegy

    Questa cosa che sono i cocchi degli zen e' un po' triste come concetto e molto italiano.Gli zen hanno visto un gruppo di ragazzi giovani.Gli sono piaciuti,gli hanno prodotto il disco e se li sono portati in tour.Cosa c'e' di male?Se sei un gruppo conosciuto che fa i sold out,giustamente vuoi far conoscere a più gente possibile il gruppo nel quale credi.Non capisco cosa ci sia di male,voi non lo fareste?A volte mi sembra che si debba criticare sempre e comunque.E non e' il fatto che sono intoccabili.La recensione degli zen e' scritta con il dente avvelenato,la storia dell'italiano che ha rotto i coglioni e' un po' ridicola.Io non sono per le dietrologie,ma mi e' parsa davvero "poltica" la stroncatura.Poi rockit ha giustamente il diritto di scrivere quello che vuole ed il fatto che tutti abbiano incensato nati per subire non vuol dire che non possa non piacere,i gusti sono soggettivi.

  • Elegy 29/01/2012 ore 20:37 @Elegy

    Poi,alla faccia degli intoccabili,gli zen sono il gruppo in Italia che suscita più odio nei detrattori.Sul forum del mucchio ci sono offese e minacce quasi da denuncia.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati