< PRECEDENTE <
album Tales of addiction and despair - Blood Red Water

recensione Blood Red Water Tales of addiction and despair

2011 - Stoner, Metal

RECENSIONE
22/03/2012

Un mare di feedback, come quiete prima della tempesta. Così l’opener “Ungod” introduce il lavoro della formazione veneziana, la cui nascita data al 2010.

Il territorio, in cui riff monolitici e growling realizzano la piena sintassi del progetto, è un piano molto battuto già da Electric Wizard, Eyehategod, Cathedral et similia, dove lo sludge incontra lo stoner e il doom, e non manca quindi l’usura del già sentito (“Avoid The Relapse”), eppure l’eco punk ruspante e abrasiva, come in “Consideration/Commiseration” e in “Avoid The Relapse”, ideale incrocio tra Celtic Frost e un Lemmy dopo la tonsillite, non manca di creare una certa tensione nell’ascolto, come pure picchi di interesse sussistono nell’iniziale spoken word e nel conseguente conato del vocalist in “Modern Slave Blues”.

Dovranno pur farsi le ossa, ma il suono è già credibilmente ruvido e la scrittura sufficientemente personale da far drizzare qualche orecchio e, perchè no, disarticolare qualche headbanger.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >