< PRECEDENTE <
album Percorsi Inversi - Audyaroad

recensione Audyaroad Percorsi Inversi

2012 - Rock, Pop rock

RECENSIONE
07/09/2012

Chissà se Grignani è in tour in questo momento. Perchè qui c’è un cantante che gli somiglia tanto da poterlo quasi sostituire quando è malato. È Marco Ferrara, voce degli AudyaRoad. Anche il sound del gruppo non si discosta molto dal Gianlucone nazionale, forse giusto un po’ più distorto, ma a parte questo è quel pop-rock un po’ piacione un po’ middle-of-the-road che furoreggiava in radio tra la metà e la fine dei Novanta.

I testi di “Percorsi inversi” vanno presi per quello che sono, ma se non altro hanno il pregio di instillare dubbi non-sense sulla consistenza ("niente è per sempre / questa notte voglio solo esistere"), la lucidità ("trattengo il mio respiro fermo dentro me / e il mio risveglio è conscio ormai"), e financo la logistica ("come vedi sono qui / per sostenere ogni tua lacrima") di un amore.

A parte gli scherzi, non si possono fare appunti sulla tecnica degli AudyaRoad, visto che il gruppo suona ineccepibilmente per il genere. Ma quanto a gusto e idee, sono parecchio naif (ascoltare per credere il pop-blues di “Spara”, o la ballata “Niente è per sempre” con tanto di assolo flamenco sul finale) e sembrano appena usciti da un freezer chiuso l’ultima volta nel 1997.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >