Fabrizio Paterlini Autumn Stories 2012 - Strumentale, Acustico, Ambient

Autumn Stories precedente precedente

Una lunga declamazione per piano ed archi (con il quartetto Lotus Quartet), che ha il sapore del revival o della colonna sonora

Muove attraverso una cortina autunnale, la fatica di Fabrizio Paterlini: una lunga declamazione per piano ed archi (con il quartetto Lotus Quartet), che ha il sapore del revival, o una colonna sonora disposta lungo l'asse di quattordici settimane, declinate in altrettante tracce.

Siamo dalle parti della seppiatura melò di uno Yann Tiersen (pur senza lambire le cromature virtuosistico-minimaliste del musicista francese), dove l'immaginifico da piano sequenza si fa urgente ("Week 3", "4" e "5"), e dove ovviamente non è possibile eludere i padri fondatori - almeno nelle intenzioni - Nino Rota, Erik Satie e qualche sfumatura a la Penguin Cafe Orchestra.

Il disco non impalca derive post, né tinge il suo candore di sfumature particolarmente mordenti, ma risulta una buona formulazione di materiali neoclassici secondo una sensibilità del tutto moderna o, per meglio dirla, attuale.

---
La recensione Autumn Stories di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2012-04-27 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO