18/04/2012

Marco Caraffini parte bene, con un pop fresco all’italiana che ricorda il tono adolescenziale del primo Cremonini. Racconta di un amore giovane sopra al suono di una chitarra semplice e scegliendo un nome di donna perfetto per l'airplay (Giulia). Si continua con filastrocche pop, musica da spiaggia insomma. A volte i testi si fanno più introspettivi ("Mi sembra un po’ strano"), altre l'arrangiamento vira verso suoni più anni '80 e in "Non sento più" compaiono anche dei synth.

La malinconia nelle lyrics, contornata da vaghi interrogativi esistenziali, è presente in "Quanto durerà", mentre torna un tono accattivante e simpatico in "Ma che vita fai". Stile coerente e poche pretese per un artista che ha uno stile “casalingo” ed evita auto-presentazioni roboanti. Per il momento va bene così, se le ambizioni sono più alte, serve altro.

---
La recensione Marco Caraffini - Recensione - Mai più di Due di Elena Chiara Mitrani è apparsa su Rockit.it il 19/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati