27/03/2012

Se il superlativo "bellissimo" non fosse ormai stinto dall'uso come un cencio lasciato per troppo tempo al sole; se non esistessero i generi musicali ma solo la "musica bella", o quantomeno la "musica interessante"; se non mi divertissi a scrivere introduzioni che mettono alla prova la vostra pazienza; se non ci fossero tutte queste cose vi direi che il disco dei Vadoinmessico è un disco bellissimo e che ve lo dovreste procurare subito per poterlo rubricare nella cartella "musica bella" del vostro hard disk, o sul relativo scaffale della vostra libreria.

Ma siccome tutto questo non è possibile, allora cercherò di argomentare nel modo seguente: pur rimanendo in un generico solco rock'n'roll, i Vadoinmessico sanno muoversi con estrema scioltezza entro ambiti diversi che vanno dal country di "The colours are" alla musica etnica di "Solau", dal r'n'r stesso di "Notional towns" all'exotic pop di "Pepita, queen of the animals", fino ad accenni di psichedelia (“Me, desert”). E lo fanno talmente bene che riesce difficile districare la matassa e portarvi anche questi semplice esempi appena citati.

Lo fanno con una qualità di scrittura rara, dimostrata in ogni particolare: dalla stesura delle parti ritmiche alle linee melodiche, dal trattamento della voce (che ricorda alle volte Panda Bear nell'uso dell'eco) alla struttura dei brani ("Fleur le tue", dove la mancanza della classica alternanza strofa-ritornello non pregiudica affatto la comunicatività del brano), fino alla scelta deit imbri degli srumenti (la marimba della già citata "The colours are").

Quindi, riassumendo: il disco dei Vadoinmessico è un disco bellissimo che ritrae con gusto una fetta notevole della musica pop nella sua gioventù più acerba e per questo più sincera. Non fatevelo scappare perché è raro, oggigiorno, tornare così volentieri su certi ascolti sentendosi a proprio agio mentre nuovi eccitanti particolari contnuano a presentarsi alle nostre orecchie.
 

Commenti (9)

Carica commenti più vecchi
  • GNO 31/05/2012 ore 12:51 @GNO

    vincent32

    è palese, ma non è l'unica influenza. io parlerei di sound affine più che di imitazione o cose del genere... dal 2006, 2007 c'è un più o meno nuovo filone indie internazionale... che ha generato band con grandi somiglianze tra loro... Vampire Weekend, Discovery, Two door Cinema club, ra ra riot...vadoinmessico appunto, e tante altre.. (se si va in campo elettro indie ci si perde poi con mgmt, crystal fighters, passion pit, the naked and famous ecc ecc ecc). Quindi io non vedrei come una cosa negativa questa a tuo parere "palese" somiglianza... finché non c'è del plagio, quando le sonorità sono simili vuol dire che si è creato un ambiente, è la storia della musica che ce lo insegna, e non ci trovo nulla di male, anche questa passerà, in ogni caso... viva la musica in generale. Peace.

  • Odiens 31/05/2012 ore 12:53 @odiens

    Ottimo album

  • accorgitene 31/05/2012 ore 15:11 @accorgitene

    bravi

  • Nicola Bonardi 27/06/2012 ore 11:54 @nicko

    Al Miami sono stati incredibili, ho comprato il disco e ora ne sono innamorato perso.

  • Bruno de Totaro 14/02/2013 ore 11:41 @BrunodeTotaro

    Avevo letto tempo fa una recensione molto bella sul CD dei sirfrankiecrisp "charming sounds" edito dalla Irma Records dove è ora? Bruno de Totaro

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati