< PRECEDENTE <
RECENSIONE
03/05/2002

A leggere i ‘proclami’ che accompagnano le inserzioni pubblicitarie relative all’esordio dei Vibra, si fa molta fatica a credere che “Disturbi” rappresenti il ‘nuovo rock italiano’. Ma d’altronde siamo abituati a tutto quando si tratta di trovare definizioni per descrivere proposte che si collocano esattamente nella media delle produzioni. Le 9 tracce di questo lavoro, quindi, non mancano di suscitare le impressioni riportate qualche riga più sopra, per il semplice fatto che i Nostri non rischiano di una sola virgola al momento di arrangiare i brani.

Per carità, non che qui dentro si manifestino punti deboli, anzi, però tutto suona talmente standard che mi chiedo: perché mai dovrei riservare uno spazio al cd dei Vibra nella mia personale discografia? E non bastano neppure i campionamenti e i suoni ‘macchinosi’ di Gabriele Di Majo per dare una svolta decisiva al progetto vicentino.

Eppure gli ingredienti ci sarebbero tutti: Luca Pettenon ci sembra un vocalist valido (molto meno i testi in cui ci sembra imperdonabile la citazione manuelagnelliana in “Pazzo di te”), le chitarre di Giampietro Bassa macinano rock senza timore, e la sezione ritmica è costantemente presente. Insomma, di ‘groove’ ce n’è, ma non basta: alla ricetta mancano abbondanti dosi di originalità e personalità - e crediamo che i ragazzi possano trovarla solo quando decideranno di abbandonare i modelli di riferimento (i quali, a loro volta, già hanno provveduto a battere altre strade da qualche anno).

Inoltre, dovrebbero tendere alla sintesi, evitando quindi di cedere alle tentazioni zeppeliniane che troppo spesso ritornano in fase compositiva - e qui mi riferisco alla durata dei pezzi: non è infatti pensabile che la traccia più breve duri poco più di 3’ e mezzo e la più lunga tocchi i 7’ - senza poi considerare la media generale che supera i 5’ a brano.

Crediamo, perciò, che solo dopo aver provveduto alla revisione dei propri piani, il quartetto potrà regalarci sprazzi di musica per la quale saremmo disposti a concedere preziosi minuti della nostra attenzione; con “Disturbi”, ne siamo certi, non ne sentiamo la necessità.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani