René e i darwinisti Negli appositi spazi 2012 - Lo-Fi, Folk

Disco in evidenza Negli appositi spazi precedente precedente

Un quarto d'ora di lucidissimo delirio nonsense, da ascoltare in loop.

Il nonsense non andrebbe spiegato. Mai. Nel momento in cui provi a spiegarlo, in pratica cancelli il non e cambi tutto. Un po' come il principio per cui l'osservatore finisce per influenzare quello che osserva. Quindi, sarebbe dannoso tentare di spiegare i motivi per cui stia ascoltando il disco di René e i Darwinisti almeno tre volte al giorno. Meglio cambiare strada e fare una panoramica generale.

Si parte con "Overland", che riprende la suggestione di Rino Gaetano suggerita dalla copertina e la trasporta in una canzoncina saltellante; "Baffi" invece è un giochino delirante sulla forma migliore per il baffo ("La prossima volta o ti radi / o ti lasci i baffoni alla Stalin / o una leggera peluria alla Sarah Palin"); "Documentari" e "Il disprezzo" sono tra il Bugo westernato e degli Ottavo Padiglione acustici, mentre "<3" vanta una strofa in stile Camillas e un ritornello con gioco di parole che farebbe felice Dente.

Qualche riga per dare un minimo di riferimenti, ma la sensazione è che a René e i Darwinisti di questi riferimenti non freghi veramente nulla. "Negli appositi spazi" è un quarto d'ora di follia calcolata al millimetro, in cui testi al 100% nonsense lasciano intravedere una cattiveria durissima. Chiamatela misantropia, sta di fatto che con canzoncine allegre e più che canticchiabili René e i Darwinisti mettono in mostra uno humour nero che può entusiasmare i cultori del genere.

Per dire: c'è chi stermina chi non sopporta per poi aspettare placido l'arrivo degli avvoltoi, chi esprime tutto il suo disprezzo verso gli utilizzatori di gel e termina la propria dichiarazione imbracciando un fucile a pompa, e chi dichiara "quando penso a te preferisco andare in coma / ascoltare con le mani sugli occhi Supalova". E via così, senza pietà. Un album talmente corto, talmente ben fatto e talmente rifinito nella sua leggerezza, da poter girare in loop per giorni. 

---
La recensione Negli appositi spazi di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2012-04-30 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO