20/09/2012

Come una marea che monta proprio nel pieno dell’aurora, tra le prime ombre e i buoni proponimenti per il giorno, “Persian Carpet” apre l’album con un crescendo di suoni piacevolmente sapido, molto british e con la tipica batteria controtempo new wave, echi e riverberi e una bella energia. Tastiere eighties irrompono in “Question Mark” mentre la voce vira verso certe atmosfere dark, i toni si fanno più scuri in un sorta di epicità malinconica che bene si adatta al raccoglimento notturno e alla calma che non arriva mai, una tensione evocativa che si estende per tutto il brano e non accenna a sciogliersi.

Le note si fanno più profonde, si continua a cercare tra gli spazi in bianco e nero ed è ovunque darkwave, nelle seconde linee vocali eteree e sfuggenti di “A Dream”, nella presa incisiva di “Heart Becomes A Cage” dove la sezione ritmica è la forza portante, nella chiusura di “Forever Unknown” che ben accompagnerebbe i titoli di coda di una storia infinita e complessa e scura a tratti come la nostra. Lavoro accurato e con una matrice comune, un obiettivo chiaro e tanti riferimenti: le affinità e divergenze con l’intero panorama di cupezza anni ottanta sono lampanti, ma sono francamente stanca di parlare di musica derivativa. Il disco gira bene, e questo è ciò che conta.

---
La recensione starcontrol - Recensione - The ages of dreams di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 17/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati