xxx
< PRECEDENTE <
album The ages of dreams - starcontrol

recensione starcontrol The ages of dreams

2012 - New-Wave, Indie

RECENSIONE
20/09/2012

Come una marea che monta proprio nel pieno dell’aurora, tra le prime ombre e i buoni proponimenti per il giorno, “Persian Carpet” apre l’album con un crescendo di suoni piacevolmente sapido, molto british e con la tipica batteria controtempo new wave, echi e riverberi e una bella energia. Tastiere eighties irrompono in “Question Mark” mentre la voce vira verso certe atmosfere dark, i toni si fanno più scuri in un sorta di epicità malinconica che bene si adatta al raccoglimento notturno e alla calma che non arriva mai, una tensione evocativa che si estende per tutto il brano e non accenna a sciogliersi.

Le note si fanno più profonde, si continua a cercare tra gli spazi in bianco e nero ed è ovunque darkwave, nelle seconde linee vocali eteree e sfuggenti di “A Dream”, nella presa incisiva di “Heart Becomes A Cage” dove la sezione ritmica è la forza portante, nella chiusura di “Forever Unknown” che ben accompagnerebbe i titoli di coda di una storia infinita e complessa e scura a tratti come la nostra. Lavoro accurato e con una matrice comune, un obiettivo chiaro e tanti riferimenti: le affinità e divergenze con l’intero panorama di cupezza anni ottanta sono lampanti, ma sono francamente stanca di parlare di musica derivativa. Il disco gira bene, e questo è ciò che conta.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani