Majirelle
Foto
0
Video
0
Concerti
0
08/06/2012

Cercavo la pace proprio ora ed eccola che arriva, mai tanto attesa e altrettanto così rapidamente trovata. Perché è davvero inutile a volte incartarsi sui soliti pensieri che non vanno mai d’accordo tra loro, meglio prendersi un momento non per rilassarsi, né per risolvere questioni, semplicemente per ritrovare briciole di forza sparse qua e là.

Questo disco è il caldo non eccessivo, l’abbraccio mai invadente, la pioggia estiva che non dispiace mai: le note morbidissime declinate in maniera totalmente femminile, e intendo una sorta d’atmosfera klimtiana, le visioni di una donna tra le donne, i racconti di quella metà del cielo che forse, poi, è un po’ più della metà.

Una chitarra lieve che passa tra l’amaro e il sole sostiene la voce dolcissima di Majirelle, piena di tutte quelle sfumature da cantautrice narrante, e basta poco per dipingere nuove espressioni sul viso, basta un attimo per innamorarsi di brani come “Trains”, capace di cullare la tristezza rendendo tutto un po’ più leggero: e influenze folk, profumi intensi e sentimenti maturi, lunghi viaggi in cerca di sé.

Questo lavoro va ascoltato nella solitudine delle proprie emozioni nascoste, mentre il sangue pulsa bene in vista, e non c’è altro: le parole non servono, non serve spiegare, cercavo la pace, ed eccola qua.

---
La recensione Majirelle - Recensione - Music For Roos di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 17/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati