Clancy’s Thus 2002 - Strumentale, Pop, Jazz

precedente precedente

Non facile inquadrare questi giovani piemontesi che escono nettamente dai più diffusi canoni musicali dei gruppi di base del nostro Paese. Non solo per il cantato in inglese, ma i Clancy’s sembrano piuttosto un gruppo americano e, se vogliamo guardare a qualcosa di abbastanza vicino nel tempo, ricordano per qualche tratto gruppi come i Counting Crows, specie per una sotterranea ma sempre presente venatura soul. Ma certi paragoni portano comunque fuori strada.

Caratterizzato da una tecnica esecutiva e da una resa sonora decisamente professionali e nettamente superiori alla media, il loro CD si dipana sostanzialmente tra ballate pop raffinate che prendono a tratti degli accenti jazz (come in “Maya”), a volte aggiungono dei caratteri progressive (come nello strumentale “Bad Chaos”, molto riuscito con la parte centrale jazzata) e in certi casi raggiungono livelli di notevole carica emozionale come in “Suffering man”, brano che denota una assoluta maturità nella struttura e negli arrangiamenti e che nel crescendo dell’inciso e in certi passaggi della voce porta alla mente i Radiohead.

Poco altro da dire se non che, pur realizzando proprio il tipo di miscela musicale che non entusiasma chi scrive, i cinque ragazzi torinesi possono per più di una ragione essere considerati, con una parola semplice quanto abusata, bravi.

---
La recensione Thus di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2002-07-26 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia