June Miller I Couldn't Be With You Even If I Wanted 2012 - Indie, Emo, Shoegaze

Disco della settimanaI Couldn't Be With You Even If I Wanted precedente precedente

I June Miller hanno affinato la proposta musicale con un cd che ha tanto da dire. Due a zero per loro.

Tre anni fa si chiudeva così la recensione di “Simulacra Sunset”: “Disco carino e ben fatto, quindi, ma i June Miller possono – devono – fare molto di più. E, ne siamo certi, lo faranno”. Tre anni dopo, la certezza di allora diventa il dato di fatto di oggi. I June Miller hanno affinato la proposta musicale con un cd, "I Couldn't Be With You Even If I Wanted", che ha tanto da dire. Due a zero per loro.

Anche perché la sfida non era facile. Le band post rock hanno la tendenza ad anteporre lo stile a tutto il resto. Come se l'unica cosa che conta fosse il suono giusto piuttosto che il brano giusto. Il delay, se inteso come una ragione di vita alla base dell'evoluzione di un pezzo, rischia di essere un esercizio di egocentrismo a buon mercato per chitarristi con poca tecnica e troppa convinzione. D'altronde, caricare gli arrangiamenti di mille dettagli rischia di diventare un gioco difficile da gestire. L'arpeggio, invece, dovrebbe essere l'elogio dell'essenzialità. Un ricamo di poche note da cucire addosso a canzoni dal cuore nero.

I June Miller con "I Couldn't Be With You Even If I Wanted" talvolta hanno ancora qualche remora a tenere a freno il gusto per l'epica a tutti i costi. Si gasano con soluzioni sonore a volte un po' troppo barocche, come in "Zen Gain", dove la voce viene tesa un'ottava più in là del necessario. Quando però la formula ingrana al meglio il disco diventa davvero bello. "Finale" coniuga un'ottima ispirazione post rock con un approccio emo maturo e consapevole. E "Penrose Stairs" è una trilogia di brani visionari in cui i June Miller mettono alla prova le proprie ambizioni. Se in futuro asciugheranno un po' i loro pezzi, eliminando qualche orpello di troppo, questi ragazzi diventeranno formidabili. Comunque già ora bravi. E non poco.

---
La recensione I Couldn't Be With You Even If I Wanted di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2012-09-24 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • IcallDogS 9 anni Rispondi

    Ascoltato tutto :) Brano preferito: Zen Gain, il crescendo è spettacolare :) Punti di forza? Le sonorità, sicuramente :) Punti deboli? Forse difetta un pò la "forma canzone" e quindi talora i "momenti astratti" diventano un pò troppo preponderanti :)

  • tom 9 anni Rispondi

    bella musica, bravi!

  • rudefellows 9 anni Rispondi

    gran bello