< PRECEDENTE <
album L'ultimo ricatto - Paolo Saporiti

recensione Paolo Saporiti L'ultimo ricatto

2012 - Cantautore

RECENSIONE
04/10/2012

Potrebbe scrivere decine di canzoni di puro mestiere folk e raccoglierebbe comunque complimenti. Perché lui certi suoni, che partono da Jeff Buckley e arrivano a Devendra Banhart, li conosce bene e li rielabora ancora meglio. A Paolo Saporiti, invece, piace il guizzo inatteso. L’elemento di disturbo che appesantisce la comunicatività di un’opera e rallenta l’immediatezza delle melodie.

“L’Ultimo Ricatto” è così. Promette e - volutamente - non mantiene, sin da quel titolo in italiano che Saporiti ha incollato sulla copertina di un album cantato in inglese. Ti aspetti Mario Venuti e ti ritrovi The Niro. “Deep Down The Water” attacca solenne e dissonante e poi scivola via in tono malinconico, “Sweet Liberty” è una ninna nanna immersa in pesanti riverberi, “I’ll Fall Asleep” ribadisce questo continuo cortocircuito tra piano e forte, con un arpeggio che più conservatore non si può e un rumorismo free rock che si dimena sullo sfondo. “L’ultimo Ricatto” è un bel disco, ideale per chi dice cantautore e intende songwriter. Proprio così, all'americana.

Tracklist

Ascolta su: Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti