03/09/2013

Spesso, nelle recensioni, rimprovero agli artisti la poca personalità dimostrata nello scrivere e arrangiare le canzoni, come se la propensione a distinguersi dal resto, anche solo per un piccolo dettaglio, fosse qualcosa di rischioso. Tra l'altro questo approccio è uno dei pochi vantaggi dell'autoproduzione, non dovendo rendere conto a produttori e/o entourage che cercano improbabili scorciatoie commerciali in proposte che parlano palesemente altri "linguaggi".

Questa lunga premessa per dire del "caso" di Maria Devigili, all'esordio nel 2011 con un ep che, confrontato con "Motori e introspezioni", sembra un'istantanea sfocata editata con photoshop. Poco male, visto che la cantautrice trentina (oggi di stanza a Bologna) sembra abbia saputo come trarre l'insegnamento migliore da quell'esperienza: ritiro in solitaria, nuovi compagni di strada e un lavoro che parla esclusivamente la sua lingua, dove le canzoni richiamano fortissimamente il gusto della Donà degli esordi - anzi, se possibile, sembrano ancora più acerbe nell'attitudine. Arrangiamenti ridotti all'osso, una chitarra e qualche percussione a tenere il passo, mentre la voce e i controcanti/vocalizzi di Maria completano il resto.

Ed è proprio da quest'alchimia che emerge la forte personalità della protagonista; e sarebbe stato un vero peccato se queste 12 tracce fossero passate inosservate, avendo la ragazza non solo un particolare gusto a livello musicale, ma anche il pregio di saper raccontare storie e descrivere i tempi in cui viviamo ("D.N.A.") senza scadere nei soliti cliché che spesso, vittime di pregiudizi, ci aspettiamo inesorabili di fronte a proposte che bazzicano stilisticamente nella stessa area.

"Motori e introspezioni" ci dimostra il contrario: per fortuna, una volta tanto.

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • Retrolover 03/09/2013 ore 13:44 @retrolover

    Bello!!

  • Emiliano Calori 07/09/2013 ore 08:59 @emilianocalori

    Ho potuto sentire solo due pezzi: mi piacciono. Ma per chi ha quasi 40 anni, beh il dejavu' e' immediato: canzoni da ARCI bolognese dei primi '90.

  • Maria Devigili 07/09/2013 ore 10:48 @maridevi

    eheh grazie, forse è l'influsso del grunge che ho ascoltato tanto ma non so che canzoni facevano negli arci bolognesi, sono trentina e vivo a bologna da un paio d'anni...

  • Faustiko Murizzi 07/09/2013 ore 12:20 @faustiko

    Ma soprattutto... magari le canzoni da ARCI bolognese dei primi '90 sul genere avessero avuto questi suoni e questa personalità. Nello specifico, Emiliano Calori, a chi ti riferisci in quanto a dejà-vu?

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati