Terapia Intensiva Mercato ovini e suini 2002 - Rock, Metal, Crossover

precedente precedente

Cinque ragazzi provenienti dalla Città di Senigallia ci inviano il frutto delle loro fatiche in studio di registrazione: un demo di otto pezzi intitolato "Mercato ovini e Suini". La preparazione di questa formazione è più che decente e anche le idee tutto sommato non mancano, ma il risultato non è certo quanto di più convincente ci si potesse aspettare.

La prendono alla larga, passando per hard e punk rock, ma alla fine anche loro arrivano non troppo lontani dalle ampie e confortevoli spiagge dell'ormai noioso nu metal.

Fragorosi, invitanti, isterici, giocosi, potenti, impetuosi, melodici con un sottile gusto prog... ma purtroppo non tutto fila come dovrebbe. Alcuni fischi di chitarra sono rubati ai peggiori Van Halen, i cambi di ritmo seguono i parametri dettati nel manuale del piccolo numetallaro e gli inserti elettronici vanno per conto loro. Anche i testi in italiano non sempre funzionano, specie quando invece di essere ironici risultano solo "forzatamente simpatici".

Di bello c'e' che hanno capito che "clonare" i gruppi stranieri può essere fatto anche in modo intelligente, ma manca certamente molta strada per compiere il definitivo salto in avanti: dalla ricerca sui suoni, che sono ancora biecamente riciclati, ad un lavoro meticoloso e critico sui testi, spesso assolutamente imbarazzanti.

La buona tecnica di tutti i componenti e il loro coraggio nel buttarsi nella mischia senza timori, lascia presagire un futuro fatto di possibili registrazioni più curate e di composizioni più convincenti.

Di carne al fuoco ce n'e' tanta... staremo a vedere.

---
La recensione Mercato ovini e suini di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2002-07-30 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia