The Stereoloops Colours 2011 - Trip-Hop, Jazz, Nu jazz

Colours precedente precedente

Lounge, pseudo-bossa, tocchi jazz. Un disco un po' troppo "ambient"

Più che un disco jazz, questo sembra l'esperimento di un musicista jazz. Un pianista, per la precisione: Manlio Belpasso, fondatore del progetto Stereoloops. Che ha voluto rendere omaggio al trip hop, alla cosiddetta bossa-lounge. C'è riuscito? A modo suo, forse. Il risultato, però, è un album che resta in sottofondo. Brani perfetti per fare da sfondo al chiacchiericcio, a un aperitivo, a una festa. Praticamente tutte strumentali, le canzoni raccontano poco di sé. Si perdono nell'ambient, nel chillout, e difficilmente sfondano il muro dell'attenzione. Si fa fatica, poi, a immaginarsele live.

Tre i pezzi più riusciti. "Intimity", "Water moments" e "All my lovers". L'ultimo, soprattutto, esprime una grazia che non si trova nel resto del disco. Le idee, dunque, non mancherebbero. Probabilmente andrebbero incanalate su piani (e mondi) diversi.

---
La recensione Colours di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-04-19 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO