Enrico Botti A trovare i miei amici ci vado in bici 2012 - Cantautoriale

A trovare i miei amici ci vado in bici precedente precedente

La sottile linea fra minimalismo e banalità: Botti ci cammina pericolosamente in bilico.

Ah, la poetica delle piccole cose, la bicicletta, le passeggiate contemplative, i soldi che non ci sono, le vite precarie, ah, non sarà che stiamo un po' rompendo le palle di questi cantautori da pic-nic? Forse sì. Soprattutto perché non tutti sono capaci di fare di un sequestro di patente una poesia e di una passeggiata sul far della sera un racconto. Non tutti riescono a ironizzare sulla questione del “farsi una posizione” schivando l'eventualità di suonare datati. Enrico botti non ci riesce, non sempre almeno: la lama di “Devo farmi una posizione” risulta spuntata quando non arrugginita, il tono moralista di “Ricco e prepotente” fa venire voglia di diventare ricchi e prepotenti, le scampagnate in ammirazione della neve che si scioglie sono “noiose come ogni cosa che non sia una novità”. Insomma una ciofeca? No. Il disco si fa ascoltare: musicalmente non è piatto, c'è cura negli arrangiamenti e nell'alternanza di gusto pop italiano, tocchi etnici e un blues leggero che a tratti sfocia quasi nel western (“Tua madre è ancora giovane”). E non mancano le idee non scontate, come la melodia romantica che accompagna la fantasia macabra di “Il gatto del vicino”. Ma non è abbastanza per convincere del tutto. Speriamo che possa essere per la prossima volta, con più gatti da mangiare e meno canarini canterini.

---
La recensione A trovare i miei amici ci vado in bici di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-02-21 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • jobbe 8 anni Rispondi

    Letizia, scusami sono del 78 e quindi probabilmente meno intelligente di te :-)
    Volevo solo dire che se vai qua:
    http://www.rockit.it/news/19364/smista-cd-i-primi-dischi-belli-e-brutti-del-2013

    puoi notare che la maglia nera era stata assegnata a valeriano gaibazzi a cui invece è toccata una super recensione positiva.

    Significa solo che secondo me avete scambiato i dischi, facendo un errore.
    Tutto qua,
    ciao!

  • letix77 8 anni Rispondi

    Mah... a parte che la critica non è una scienza esatta e si possono avere idee diverse, a parte che lo smista cd si basa su un primo ascolto e spesso se non sempre per farsi un'idea più precisa ce ne vogliono 3 o 4, non lo considero maglia nera, leggi fino alla fine, magari grigia?

  • jobbe 8 anni Rispondi

    lol..per la seconda volta avete sbagliato con i smista cd..questo era segnalato come disco bello mentre invece la recensione lo considera uno da maglia nera..mettetevi d'accordo :)