Ohio Kid The day when we discovered the light. 2012 - Cantautoriale, Indie, Folk

Disco in evidenzaThe day when we discovered the light. precedente precedente

Un lo-fi semplice e potente che ti mette spalle al muro

“The day we discovered the light” era un giorno d’inverno, un giorno freddo. Di quel freddo deciso, ostinato, insidioso, che non risente barriere e ti fa vibrare dentro. Così come l'armatura di suono che avvolge l’ep di Ohio Kid. Molte canzoni erano già state incluse nei precedenti ep, ma questa volta non c’è più il folk e nemmeno l’atmosfera casalinga delle precedenti registrazioni. Questa volta un lo-fi semplice e potente ti mette spalle al muro. 

“The day we discovered the light” era un giorno triste, malinconico, confuso. Un giorno fatto di incertezze e paure. Di parole dolci e  addii: “And now leaving is so hard, It's hard to sleep, I think you so far, even if I dream” (“The song of you and me”); un giorno di incomprensioni, ripensamenti, di voglia di scappare, “you told me tha”t maybe, it was a mistake, that everything is going to break” ("Past present"). 

“The day we discovered the light” eravamo al nord e c’era quella luce chiara e bianca che sembra voler durare per sempre. Le nuvole uniformi, tutte uguali, non ricordano più disegni. Eppure inaspettatamente accade: un mattino riscopri il cielo azzurro. C’è di nuovo il colore e l'impazienza di uscire per seguire il sole fino a quando non ne rimangano che tracce arancioni nell’aria. Tutto si incastra perfettamente. Ohio Kid racconta proprio questo, dell'unicità dell'incastro prefetto. Da maneggiare con cura e ascoltare ripetutamente. 

---
La recensione The day when we discovered the light. di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-04-03 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • ohiokid 8 anni Rispondi

    Grazie mille. Davvero.