12/12/2012

Fotografie di un'epoca. Quale epoca? Se vuoi darle un nome, chiamala Secondo Medioevo. E allora, se vuoi prenderti qualcosa, calati un passamontagna sulla faccia e prendila. Perché in fondo ti spetta, e se non sei tu a farti avanti nessuno te la viene a consegnare a domicilio. A te la scelta: puoi decidere di star seduto a marcire mentre il mondo rotola via oppure puoi tirar fuori le palle e il talento e far sentire la tua voce. Mezzosangue ha scelto la seconda opzione, e “Musica Cicatrene” è la bella sorpresa che non ti aspettavi a cavallo di un Natale in cui da festeggiare non c'è proprio un cazzo.

Ma parliamo di Mezzosangue, dai, non di Natale: romano, classe 1991, volto coperto da un passamontagna. È quello che si dice un giovane talento (nel senso che ha talento davvero, non che ha tante visualizzazioni su Youtube), e se pensi che nascondere il viso sia una roba di quelle un po' tardo-modaiole che ti spingono a schifare a prescindere il tipo che sta sotto il passamontagna, ricrediti. Prendilo piuttosto come un modo per far apprezzare più le parole che l'immagine tipo “faccia da bravo ragazzo con le braccia tatutate”.

Ma parliamo di “Musica Cicatrene”, dai, non di tatuaggi: hardcore. Ma di quello viscerale, quello fatto per necessità e non perché ti si è rotta la Playstation. Dietro quel passamontagna si nascondono rabbia, buone capacità di scrittura e rime ben studiate, lucide descrizioni dei giorni nostri e zero cazzate da pseudo questo o pseudo quello. Forse quello che manca è un po' di maturità, la voglia di spingersi oltre il semplice prodotto standard fatto bene e provare a rivoluzionarlo. Ma l'ho già scritto che stiamo parlando di uno nato nel 1991? E se ci pensi c'è più maturità in questo mixtape che in molti album ufficiali di artisti “maturi”.

Ma parliamo di rap, dai, non di frutta: potente. Pezzi come “Secondo Medioevo”, “Nevermind” o “Musica Cicatrene” sono di quelli che lasciano il segno. La scelta dei beat è ottima, adatta al flow e ai contenuti del Nostro, che descrive una società che precipita verso il basso, vomita ansie, paure e voglia (necessità) di fare. E non è solo questione di tecnica o belle parole, ma di credibilità, garantita anche da Squarta – il primo ad aver notato il rapper capitolino – e Blue Nox Academy, collettivo che da tempo è sinonimo di qualità e che ha reso disponibile sul proprio sito il mixtape di Mezzosangue. Un'ottima opera prima, e ora non resta che attendere i prossimi sviluppi di questo progetto e scoprire che altro si nasconde dietro quel passamontagna.

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • Serenam 12/12/2012 ore 12:28 @serenam

    Bravo :)

  • Giulio Pons 01/01/2013 ore 09:54 @pons

    Scelto da hotmc come miglior scommessa per il 2013

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati