Labile Labile 2013 - Electro, Pop rock

Labile precedente precedente

Un buon ep a metà tra rock ed elettronica

Il lavorodei Labile spicca per qualità del suono e raffinatezza delle melodie. Il trio Pesarese propone in quattro tracce un elettro pop pulito e d'avanguardia, che mantiene per l'intero ascolto un'atmosfera dal sapore agrodolce. L'eleganza vocale di Paola Prinzivalli (lead vocal) si sposa bene con i beat movimentati della batteria a pad, il tutto condito da cromatismi elettronici d'effetto quasi mai scontati e da linee di basso trascinanti, ma non invadenti. Già dall'intro del primo brano "Allarme" si riesce ad intendere il tipo di dimensione in cui i Labile vogliono catapultarci. Un ambiente dai toni cupi, ma delicati, valorizzati da una resa sonora delle registrazioni molto buona. I testi, criptici ed introspettivi, conducono verso le malinconiche armonie di "Amore e Psiche" che si fanno improvvisamente oniriche, con una punta di acidità, nella successiva "Tra noi", fino a sfociare negli inaspettati controtempi dell'ultimo pezzo omonimo all'album.

Sebbene la componente elettronica giochi un ruolo fondamentale nello stile e nelle sonorità proposte dalla band Marchigiana, non è difficile immaginare un arrangiamento degli stessi brani live anche in chiave acustica, senza rimetterci nella qualità dell'ascolto. Che dire? Possiamo aspettarci qualche nota di sperimantalismo in più, in modo da rendere il prodotto un po' più interessante ed originale, ma per adesso ci accontentiamo.

---
La recensione Labile di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-04-02 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia