< PRECEDENTE <
RECENSIONE
05/11/2013 di Jack Nessuno

Benvenuti alla fiera del già sentito, ma non siate prevenuti: i The Defiance non suonano nuovi e tanto meno originali ma almeno hanno il buon gusto di muoversi all'interno di sonorità hard rock e di farlo con tiro. Hanno una spiccata vena eccentrica ma senza scadere nel glam più pacchiano. Suonano bene e hanno la capacità di proporre uno spettro di sfumature più che ampio, evitando il solito precipizio di monotonia dove ritrovi tutte quelle band con la lontana speranza che giubbotto di pelle e bandana tornino di moda. 10 tracce dall’andamento schizofrenico con tanti, direi troppi, rimandi che vanno dai Guns n’ Roses e Motley Crue ai System of a down e Alter Bridge, passando anche da Muse e Nickelback. Ma se da un lato eclettismo e versatilità permettono all’album di suonare scorrevole, dall’altro penalizzano un cantato non sempre all’altezza e soprattutto rendono difficile un ricordo unico da associare a questa band sarda. Rimane in testa qualche bel riff, e i tanti finali fin troppo esasperanti. Tirando le somme: una band che qualche lode se la meriterebbe pure, ma rischia di inciampare da sola nella sua confusione stilistica. Urge un produttore capace di far ordine.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (2)
Carica commenti più vecchi
  • Lasciamo Perde 05/11/2013 ore 23:20

    i defiance tra l'altro gia esistono, sono un gruppo punk storico.

    > rispondi a @tommyicon
  • Sebastiano Murru 16/09/2015 ore 13:45

    Spettacolo ragazzi =) slight chatterat the same.... È strabella =)

    > rispondi a @stiseba
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >