15/04/2013

Nheap è il moniker sotto il quale si cela Massimo Discepoli, poliedrico musicista e compositore, fondatore della net label Acoustronica. Il suo ultimo album "Clouds under the table" sembra stato creato appositamente per il risveglio, sia esso letterale o metaforico. Una mistura strumentale di batterie jazz e suoni cristallini, che si rincorrono in loop matematici sempre in movimento, che mutano forma come un velo lasciato mulinare al vento. Trame di post-rock alto, prive dei clichè di genere, talvolta influenzate dalle dinamiche à la Tortoise ("The snow that never falls down"), altre volte quasi fossero out takes degli Storm and Stress ("Daily improvisation"). Tutto il lavoro è ispirato ed ispirante, mosso da una ricerca tecnica e sonora non indifferente, per creare ambient eterei e cinematici, come nel caso della splendida title track oppure nelle atmosferiche "Sands" e "Crossing", poste sul finale del disco, che termina con le note malinconiche di "Rides" supportate da un ritmo jazz latino, articolato e di contrasto. Un album tutto da scoprire.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati