20/05/2013

Ed Laurie, cantautore londinese, stavolta cambia pelle, affidando a  basso, batteria e sax del trio bolzanino "Fatish" le nuove basi sulle quali comporre. Il convincente songwriting, che avevamo lasciato delicato, acustico, arioso ed avvolgente, ci torna indietro spigoloso e sfaccettato, prossimo ai Morphine ma anche al David Bowie di "Young Americans ("Forevers Untrue") oppure sporco e latineggiante, come in "Tough Guys" un ideale trait d'union tra Tom Waits e Tito & Tarantula, perfetto per scorribande notturne, alcol facile, pupe e coltelli. Un ottimo antipasto del prossimo album che, viste le premesse, avrà tutte le carte in regola per farsi notare. Ed allarga in propri orizzonti in modo convincente e strappa più di un applauso: belle canzoni, ottima registrazione, arrangiamenti coi baffi. Difficile chiedere di più.

---
La recensione Ed Laurie & Straw Dog - Recensione - Trip The Wire di Simone Stefanini è apparsa su Rockit.it il 23/08/2019

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati