Wonder Vincent The Amazing Story of Roller Kostner 2013 - Rock'n'roll, Stoner, Blues

The Amazing Story of Roller Kostner precedente precedente

Tanta psichedelia e tanto hard rock adrenalinico. La tempesta perfetta.

I Perugini Wonder Vincent, incuranti dello scorrere del tempo, se ne fregano delle logiche della nuova musica “liquida”, lasciano agli altri i singoli in free download, i tanti ep per fare fan base e gli altri nuovi strumenti utili alle band di oggi. Fanno alla vecchia maniera: un concept album, proprio come si faceva un volta. E io, quando si tratta di tuffarsi nel passato, non posso fare a meno di lasciarmi scappare la lacrimuccia.

Una storia folle e delirante su un personaggio eccentrico ed improbabile chiamato Roller Kostner. Tuffo nel passato che, a livello sonoro, vuol dire revival assoluto. La band s'immerge nel Mississipi uscendone purificata da ogni sorta di contaminazione sintetica, moderna o sperimentale. Ciò di cui dispongono è “solo” il magico trio chitarra, basso e batteria, il tutto a sorreggere una voce potente e coinvolgente, nata per riversare adrenalina.

Se infatti l'opener “Semen Waterfall” lascia ben presagire, “Funk o Saur” da' la conferma che è sudore quello che ti sta scorrendo lungo la maglietta. Il singolo “My Little Bunny” è un country/rock che deve far i conti con la follia del punk, uno degli episodi meglio riusciti dell'album. “Aamorymonky” è invece energia hard blues allo stato puro, tutta sei corde arroventate e riff pentatonici, pagando quasi il dazio ai connazionali Bud Spencer Blues Explosion.

Quando il disco sarà finito resterete un istante ad ascoltare il silenzio nella vostra camera. La quiete che arriva passata la tempesta. Le acque si calmano, è stato bello perdercisi dentro.

---
La recensione The Amazing Story of Roller Kostner di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-04-18 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • ulianapiroUPphoto 8 anni Rispondi

    grandi!

  • Fr.Dona 8 anni Rispondi

    Una volta finito non si resta in silenzio... Si preme Play e si fa un'altro giro!!... In onor di nome!! Gran disco davvero!