Down Here Below s/t 2002 - Rock

precedente precedente

Tentativo fallito quello dei Down Here Below. Tre brani che ascolto e riascolto a fatica, senza mai riuscire a trovare il senso di una musica che guarda con ammirazione tanto al nord europa quanto al medioevo (storico e musicale).

Probabile che io non ne abbia capito le intenzioni, ma è altrettanto probabile che questi ragazzi abbiano scelto la strada sbagliata, decidendo di riportare in vita sonorità assolutamente non appartenenti alla tradizione del nostro paese e pertanto intrerpretate con un fare talmente imitativo e poco ispirato da risultare imbarazzante.

Un rock melodioso che lascia l'impressione di trovarsi di fronte a dei chitarroni epic metal che dimenticano la distorsione e il palm muting per lanciarsi in lagnose ballate arpeggiate e dal taglio "proggy". Una voce angelica, vibrata e struggente che strabocca di enfasi e paroloni inglesi quasi fino al fastidio. Purtroppo non riesco a dirvi altro delle tre composizioni contenute in questo lavoro.

Per carità, alla fine questi ragazzi suonano in maniera impeccabile e conoscono a menadito l'intero copione, facendo tutto quello che si deve fare per rispettare i propri ascolti, ma a fine 2002 è forse lecito aspettarsi un passo in avanti piuttosto che un rimpasto di clichè d'altri tempi.

---
La recensione s/t di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2002-12-20 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia