< PRECEDENTE <
album the infinite travelling Deaf Cities

recensione Deaf Cities the infinite travelling

2013 - Indie, Folk

RECENSIONE
08/07/2013

Un duo che ha imbracciato l'ukulele, la chitarra acustica e quelle ballad che, quando si fanno un po' più ritmate, acquistano un sapore indie e pop. Si chiamano Deaf Cities e sono due amici vicentini che vivono tra Milano, Trento e tante altre città d'Italia e d'Europa. Il senso del viaggio c'è anche nel disco, a partire dal titolo. Poi, ci sono atmosfere da songwriting da strada e i testi parlano spesso di aerei, di luoghi, di macchine, di casini e viaggi mentali.

Ricordano qualcosa tra i Death Cab for Cutie e i Dashboard Confessionals. Soprattutto nella traccia d'apertura. Ma pian piano il disco cresce e si scoprono anche Bright Eyes o qualche velleità da Band of Horses.

Sembra un lavoro sincero, in certi punti anche intrigante. Un paio di pezzi, come “The Heathen” o  “Road lights” sono meritevoli. Il genere, però, si presta molto a nascondere trappole in cui è facile cadere. Come il rischio di rimanere anonimi o di sembrare troppo uguali ad altri. Non si è mai soli nel dare sfogo ai propri pensieri dietro a una sei corde. Ma se si trova la chiave giusta, allora si fa strada.
Aspettiamo, quindi. Perché magari dal prossimo viaggio ci porteranno un souvenir indimenticabile.

 

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani