< PRECEDENTE <
album La vita inquieta - Liprando

recensione Liprando La vita inquieta

2013 - Cantautore, Acustico, Pop rock

RECENSIONE
27/05/2013

Ritroviamo LiPrando laddove lo avevamo lasciato nel 2011: a ripercorrere in tondo il suo stesso percorso esistenziale, con gli stessi vestiti e le stesse scarpe di sempre ma forse con una maggiore consapevolezza di sé e occhi nuovi per scrutare il suo (micro)mondo e raccontarlo. Cambia insomma la prospettiva artistica di narrazione che acquista mordente orchestrale e cantautoriale al contempo. Se in “Conseguenze” il musicista casertano rimaneva inesorabilmente prigioniero di certa musica leggera, anemica e derivativa, persino nella sua dimensione lirica, in questo nuovo progetto è forse la stessa inquietudine che dà il titolo al disco a dispensare nuove vie di fuga espressive, fatte di indolente psichedelia, crepuscolari scenografie elettroniche, chitarre nervose che scandiscono le pulsazioni cardiache di un “perpetuo pensare” – tra fredda new wave (“Cosa rimane”, “Quello che vorrei”) e quel surf rock che ha nobilitato in passato la carriera del Nostro (“Ogni volta che sei qua” o la stessa title track) – e chiaroscurali trame vocali che si dividono tra sussurri e colpi di coda melodici (una sorta di pop-versione di Cristiano Godano?). Tra i tredici brani del lotto anche qualche passo falso, che comunque non inficia la qualità di un ritrovato intimismo e di una rinata vena creativa.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >