< PRECEDENTE <
album Il Paese dei Balocchi - Mazzini58

recensione Mazzini58 Il Paese dei Balocchi

2013 - Rock, Grunge, Punk rock

RECENSIONE
14/10/2014

I preti si sollazzano con bambole di carne” forse potrebbe bastare solo questo piccolo estratto per capire di che pasta sono fatti i Mazzini 58. Se mischiate sonorità e testi dei primi Litfiba, l’ardore dei Pearl Jam e dei Timoria otterrete questo post-rock italico dannatamente “on the road”. Un viaggio attraverso il Belpaese cosparso di voce polverosa e testi taglienti come la lama di un rasoio.

I temi affrontati sono i più diversi; si passa dalla denuncia sociale "China connection", all'amore effimero "Super sexy lady" fino alla presa in giro al fenomeno hipster "La goccia". 
Il disco è una pioggia di biscrome che fa muovere gli ascoltatori dalla prima all'ultima nota, ottimo per un ascolto senza grosse pretese. È un bel rock old-style, fatto da una band affiatata, con un cantante sicuro che non sbaglia una nota, sebbene non particolarmente originale. L'unica pecca infatti è la scarsa varietà nei timbri e nei riff, che può creare la sensazione di ascoltare canzoni simili tra loro.

Tracklist

Ascolta su: Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti