< PRECEDENTE <
album La kreme (1977-2002) - Skiantos

recensione Skiantos La kreme (1977-2002)

Latlantide / Audioglobe 2002 - Rock, Demenziale

RECENSIONE
20/01/2003

Strano a dirlo e a pensarlo - io per primo - ma gli Skiantos sono praticamente coetanei del sottoscritto; correva infatti il 1977 (per la precisione un anno dopo rispetto alla data di nascita del vostro recensore) quando i Nostri esordivano con "Inascoltabile", album che in questa raccolta non viene citato affatto e del quale disconosco i contenuti.

Tuttavia, questo cd da poco pubblicato da Latlantide può essere considerato un utilissimo bignami perché recupera brani dal valore inestimabile riportandoli 'alla luce' per come hanno sempre meritato. La formazione bolognese, infatti, ha forse rappresentato il primo esempio di progetto che faceva dell'ironia non solo l'asse portante della dimensione creativa, ma attraverso questa fotografava - spietatamente!!! - alcuni luoghi comuni tipici dell'italiano medio ("Italiano terrone che amo" ne è il manifesto). La forza di Freak Antoni & co., quindi, stava proprio nella capacità di non ridicolizzare queste situazioni, ma di descriverle con una freddezza tale da generare risate spesso amare.

Che si tratti quindi di improbabili operazioni discografiche ("Signore dei dischi", "Una canzone per l'estate"), di questioni 'stupefacenti' ("Eptadone", "Non voglio più"), di vicende generazionali ("Frontale", "Sono un ribelle mamma", "Non dirlo nemmeno per skerzo") o di questioni lavorative ("Gelati"), i bolognesi hanno svolto con la massima lucidità il compito di 'cronisti', a volte anche meglio di alcuni esponenti della classe cantautorale (vedi "Vortice" o "Largo all'avanguardia"). E poi, se non fossero esistiti gli Skiantos, gruppi come Elio & Le Storie Tese difficilmente avrebbero mai solcato i palcoscenici nazionali - e le classifiche! - con tanto successo.

Discorso a parte merita invece tutto il mondo legato alle donne, fin dalle origini il 'chiodo fisso' del combo; non a caso l'unico inedito presente in questa compilation ("Perché la notte mi inviti a casa tua e poi mi fai dormire sul sofà") prende ispirazione proprio da quel mondo, ma è con episodi quali "Mi piaccion le sbarbine", "Io ti amo da matti (sesso e karnazza)" o "Orrenda" (col cameo vocale di Enzo Iachetti) che la band dà il meglio.

Notevole, infine, il booklet, al cui interno troverete info sulla discografia della band e su come diventare soci dello 'Skiantos funcool club'.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti