< PRECEDENTE <
album Outside from the Inside - r.o.fi.x

recensione r.o.fi.x Outside from the Inside

2013 - Sperimentale, Progressive, Post-Rock

RECENSIONE
14/10/2013

Il preludio di “Outside From The Inside” dei R.O.FI.X. è, di fatto, il brano più bello. “Prelude” è tutto quello che dovrebbe essere il post rock nel 2013: qualcosa che metta d’accordo gli ultimi Boards Of Canada e il primo Four Tet. È vero: l’arpeggio di chitarra, i crescendo accennati e i riverberi generosi sono il corredo classico di questo tipo di composizioni. Ma l’uso della tastiera ribalta le prospettive e carica di suggestioni il brano.

Il problema è che il gruppo con lo scorrere dei minuti perde parecchio del proprio tocco magico. “Heart(bit)” è un pezzo mediocre: la band alterna stasi e movimento senza riuscire a imporre un’idea di orecchiabilità che non scivoli via. Peggio ancora va con “Remember Of...”, che accentua gli errori del brano precedente. Tutto è un alternarsi continuo di arpeggi indistinguibili fra loro, fino al pacchianissimo riffarama che rischia di portare il quintetto a una pericolosa deriva metallara.

Per fortuna le cose cambiano con “London Is Too Far”. Un arpeggio che finalmente spicca per bellezza e senso compiuto, con quella malinconia vibrante in grado di competere con le robe migliori dei Godspeed You! Black Emperor. Ecco, qui i R.O.FI.X. mostrano davvero la loro maturità e bravura, nobilitando un lavoro che trova poi una degna conclusione nello sperimentalismo di “Drone As Antistress”. Senza quei passaggi a vuoto, “Outside From The Inside” sarebbe stato un disco prezioso.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >