Those Lone Vamps Tender Caretakers 2013 - Soul, New-Wave, Afro-beat

Disco in evidenzaTender Caretakers precedente precedente

Un lungo mormorio accompagnato da una chitarra scarna ed essenziale

Un lungo mormorio accompagnato da una chitarra scarna ed essenziale. Those Lone Vamps torna con “Tender Caretakers” e quello che viene prodotto è un blues indistinto e sfumato nel quale non si trova spazio per mezze misure. C’è un’estetica lo-fi portata all’estremo: dodici canzoni registrate in due giorni su un semplice quattro tracce, una roba quasi eretica negli anni del fai-da-te digitale.

“Twila” è un folk disturbante che vive di dissonanze e reiterazioni, senza concedere altro se non una bellezza rude e selvaggia. “Trees Have Eyes” si basa su un giro di accordi convenzionale che valorizza l’anima desertica dell’album. “A Slow Season” è una ballata a bassissima fedeltà che sembra provenire da uno stereo mezzo scassato dei primi anni Novanta - pare di sentire un oscuro provino di Mark Lanegan su una di quelle cassette dal nastro magnetico in ferro. Le frequenze appiattite di “Tender Caretakers” e le dinamiche azzerate dei brani donano un appeal senza tempo a un progetto che racconta la vita degli altri attraverso due note e duemila parole.

---
La recensione Tender Caretakers di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-10-09 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia