Jimmy Joe's Band Maybe more than one… 2000 - Rock, Blues

precedente precedente

A giudicare dalla mastodontica rassegna stampa (a voler esagerare, un volume di una qualsiasi enciclopedia…), sembra che alla Jimmy Joe’s band non manchi nessun tipo di esperienza. Ed in effetti, è proprio così, nel loro curriculum non manca nulla: tournée, rassegne di ogni genere, festival, anche molto importanti, come il Pistoia blues. Eppure, dopo 12 anni di carriera alle spalle, i cd si continuano ad autoprodurre, oppure nisba. Segnale, piuttosto imbarazzante, di quale sia la considerazione della quale gode il blues il Italia.

Ed è un peccato, soprattutto per il terzetto guidato da Gianluigi Destradi, artefice di un rock-blues pregevole, ben suonato e molto tecnico, dominato dall’estro del chitarrista friulano. Dall’opera emerge un suono pulito e ispirato, segnale, quest’ultimo, di un indubbio affiatamento tra i componenti della band, immersa con profondo trasporto nel mondo delle dodici battute. Un amore evidente, che non fa fatica ad emergere da questo “May be more than one”, disco (quasi) equamente diviso tra cover e pezzi firmati Destradi, nel quale lo stile del chitarrista sembra omaggiare personaggi di primo piano - come Stevie Ray Vaughan, punto di riferimento di non poca importanza.

Il difetto principale del lavoro è forse nella parte vocale: è infatti lo stesso leader a sobbarcarsi l’onere di cantare e, ogni tanto, sembra che si perda per strada. In fondo, però, siamo di fronte ad un peccato veniale. La Jimmy Joe’s band ha dalla sua talento e bravura. E non è poco…

---
La recensione Maybe more than one… di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2003-01-22 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia